La Casa delle Farfalle

La Casa delle Farfalle

LA CASA DELLE FARFALLE

C’è un Tempio inviolabile dove Io vivo.
C’è un Regno fatato dove il mio Spirito riposa,
la mia Mente si rilassa,
il mio Corpo si ritempra,
il mio Cuore canta
e la mia Anima vola.
La mia Casa.” 

Feng shui

LA CASA DELLE FARFALLE è la mia casa, il mio studio, la mia vita!

Qui è dove vivo. Qui è dove lavoro. Qui è dove medito.

Qui è dove studio. Qui è dove dormo. Qui è dove mi nutro.

Qui si respira la mia presenza. Qui si sente la mia energia. Qui si percepisce la mia forza.

E’ qui dove accolgo tutto il Mondo. E’ qui dove partorisco ogni idea. E’ qui dove mi ripartorisco.

E’ qui dove IO SONO. Ed è qui che Vi accolgo nel Mio e Vostro Mondo.

Niente separazioni. Niente maschere. Niente illusioni. Solo chi sono.

 

DA BRUCO A FARFALLA

Ciò che per il bruco è la fine del mondo, il mondo la chiama farfalla”.

Lao Tzu

La farfalla è il bellissimo insetto dalle ali variopinte, tutta leggerezza, delicatezza, bellezza e fragilità. La farfalla è l’animale che prima di spiccare il volo, deve passare per un lungo processo d’iniziazione (anche 7 anni), la paziente attesa nel bozzolo. La farfalla è l’animale simbolo per eccellenza della transustanziazione, cioè della possibilità di cambiare di stato ovvero di passare dallo stato terrestre (bruco) allo stato celeste (farfalla) e dell’anima immortale ossia dell’anima liberata dalla materialità del corpo. La farfalla, l’insetto della quinta dimensione, che come la falena proviene dalla Costellazione della saggezza di Orione, è messaggero, come tutti gli uccelli, degli Angeli, quindi delle loro benedizioni. La farfalla è qui per imparare e per donarci gioia, speranza e meraviglia e per ricordarci che la morte, sia essa fisica che metaforica, è solo un nuovo inizio e fa parte dell’eterno ciclo della vita.

In particolare la sua mutazione avviene in quattro fasi: 1) da uovo; 2) a bruco, una piccola larva, che dura da 5 giorni a 3 anni, difesa da una peluria irritante. Per accrescersi compie da 4 a 5 cambi di pelle, a seconda delle specie e del sesso; 3) a crisalide, sede della vera trasmutazione, protetta da un bozzolo, un fitto intreccio di fili di seta. Una volta maturo, il bruco si fissa, entra in uno stato di immobilità, appeso ad un ramo o ad una foglia e tesse un bozzolo di seta che dura circa 2 settimane; 4) a farfalla.

Parlare di farfalla infatti non è esatto, in quanto in ogni fase di questo percorso di formazione siamo di fronte a vere e proprie differenti forme di animali. La farfalla è soltanto l’ultima di queste forme e trova nella sua trasformazione la sua vera essenza. Quello che colpisce è la necessità di tutte questa trasformazioni per vivere soltanto 15-30 giorni. Tanto sforzo per così poco? Eppure, dietro a tutto questo, si nasconde un significato meraviglioso. E’ come se la Natura, quindi il Creatore, avesse creato questo piccolo essere per insegnare all’uomo il Mistero più importante della vita stessa: la trasformazione!!! Delle quattro fasi di formazione, quello di crisalide è sicuramente il più affascinante, proprio perché è in questo stadio che l’animale muta evolvendosi da essere strisciante di terra, orizzontale (bruco) a essere volatile di cielo, verticale (farfalla).

Non v’accorgete voi che noi siam vermi nati a formar l’angelica farfalla.”

Dante Alighieri Purgatorio X, 124-5

Dall’etimologia crisalide deriva da khrysós che significa Oro, ciò è dovuto al fatto che nello stato larvale la muta acquista un colore giallo oro. Quindi, nella farfalla, si attua per analogia la trasformazione alchemica del Piombo in Oro. Il bruco, racchiuso ermeticamente nel suo bozzolo, si trasforma in un vero e proprio forno alchemico che, come per magia, attraverso il fuoco trasmutatore, realizza la sua nuova identità. Generalmente la vita di una farfalla è abbastanza breve, varia da qualche giorno a una settimana o due e, solo in alcuni casi, raggiunge il mese di vita. In questi pochi giorni essa non mangia, ma si dedica solamente a procreare. L’intero ciclo di vita della farfalla cos’è allora se non un vero e proprio processo di trasmutazione alchemica!

Le diverse forme che assume sono solamente transitorie e necessarie ad un fine ben più alto, che non è la sola realizzazione della farfalla, ma l’espressione del suo movimento vitale. Infine un ultimo particolare, a dir poco sconvolgente è che la farfalla non invecchia! Il suo processo è legato ad un continuo rinnovamento. Tutto ciò non fa che evocare la seguente massima alchemica.

Ciò che continuamente si trasforma non può deperire ma rende eterni.”

Il bruco, una volta uscito dall’uovo, è cosciente del fatto che quella che sta attraversando è soltanto una fase della sua vita e che presto diventerà crisalide e dopo farfalla? E analogamente l’uomo è cosciente del suo progetto evolutivo? Nell’uomo si può dire che c’è sicuramente un progetto evolutivo fisico, che gli ha permesso di essere l’uomo di oggi, molto diverso dai primati, che non è altro che lo specchio del progetto evolutivo spirituale.

La nostra forma quindi non è nient’altro che una fase di un’evoluzione più ampia. Attaccandoci invece troppo con la nostra forma, l’evoluzione tende a tardare e, paradossalmente, tende a fallire. Se la crisalide si ancorasse alla propria forma non riuscirebbe mai a diventare farfalla!

La farfalla rappresenta in modo esemplare lo stato in cui vive l’essere umano nel corso della sua vita. Tutte le angosce legate alla morte, gli attaccamenti alle proprie forme, ai propri averi, espressione di quelle stesse forme, non sono altro che parte di una condizione temporanea di ciò che realmente stiamo diventando. Il sonno in cui l’uomo è immerso a livello di coscienza e di consapevolezza è solamente il sonno della Crisalide che attende il giorno della trasformazione senza però esserne cosciente e si tormenta, non credendo al cambiamento che lo aspetta, sentendolo, tragicamente, come la fine del mondo. Ma in realtà non è la fine, è solo l’inizio, è il diventare farfalla! La condizione umana è soltanto una fase, è soltanto una forma di un processo evolutivo ben più ampio. Finché non abbandoneremo la paura che ci spinge alla conservazione ossessiva della forma che incarniamo non potremo mai adattarci al cambiamento. Chi non sarà disposto al sacrificio volontario della Crisalide non potrà realmente spiccare il volo verso il Sole come Farfalla!

[…]

Estratto dalla mia Tesi di Naturopatia:

L’ALCHIMISTA PELLEGRINO

Il viaggio come metafora di guarigione dentro se stessi.

... sei qui per imparare e poi per volare ...

© 2018 Alessandra Tonna//Bologna Olistica Comunication www.bolognaolistica.com